fbpx

331 3063320

Via Antonio Bosco, 20 - 66054 - Vasto(CH)

SEGUICI SU

Blog

ospite matrimonio

L’ospite del matrimonio: le 20 considerazioni che ogni invitato dovrebbe fare

Hai ricevuto una partecipazione per il matrimonio? Leggi bene questo articolo perché scoprirai cose interessanti per essere l’ospite ideale.

Hai capito bene, esistono delle regole di comportamento: il buon senso, il buon gusto e la buona educazione troppe volte vengono messi da parte e chi ne paga le conseguenze purtroppo sono gli sposi che per mesi hanno speso energie e fatica per organizzare tutto al meglio. Tu invitato certamente non puoi rovinare tutto.

ospite al matrimonio
  • Rispondi all’invito. Hai ricevuto l’invito? Rispondi chiaramente e tempestivamente. Sembra una cosa così scontata ma io vi garantisco che sono pochissimi a rispondere  precisamente all’invito di nozze. Tu, ospite, non pensare di poter confermare la tua presenza o peggio la tua assenza 2 giorni prima dell’evento. Sull’invito trovi esplicitamente la dicitura R.S.V.P che tradotto dal francese vuol dire “si prega di rispondere”.
  • Comunica il numero delle persone. Per favore, leggi tutto l’invito e cerca di rispondere e confermare la presenza indicando il numero di persone, se proprio non puoi comunicarlo subito sii così premuroso da farlo nei giusti tempi. Un buon servizio ed una buona tempistica dipendono anche da te, dalla tua puntualità. Cerca di immaginare il lavoro di organizzazione che c’è dietro una giornata così importante.
  • Non dare per scontato nulla. Sai che se mancherai gli sposi dovranno ugualmente pagare il ristorante? Se confermi la presenza e subentra un contrattempo, avvisa gli sposi! Ma considera che se lo fai due giorni prima per loro significa sostenere tutti i costi, come se tu ci fossi.
  • Non ritardare. La sposa si sa, dice che deve ritardare il suo arrivo in chiesa. Ma è sempre così? E tu, ospite, sei sempre sicuro che la cerimonia inizi con tanto ritardo? Certamente capita, ma una sposa che ritarda non ha una organizzazione perfetta, a me piuttosto succede che sia proprio l’attesa delle persone importanti a creare ritardo per l’inizio del rito. Sono gli ospiti a non essere puntuali, nessuno si presenta all’orario citato sulla partecipazione ed è diventata ormai consuetudine ritardare.
  • Perché sei stato invitato. Ricorda sempre che la cerimonia è il fulcro della giornata, per gli sposi è davvero importante questo momento e, se ti hanno invitato, vuol dire che gradiscono la tua presenza.
  • Bambini si, bambini no. Sei invitato al matrimonio con la tua famiglia, ci sono bambini? Per loro la giornata è lunga ed estenuante. All’estero, ai matrimoni o agli eventi che non sono per loro, i bambini non sono mai previsti. Quando organizzo matrimoni in Italia con sposi che vivono all’estero, l’aspetto molto strano è proprio questo: dover pensare anche ai bambini. Da noi non è una regola ma ti consiglio di accertarti con gli sposi che ci siano altri bimbi. Non è detto che sia prevista una animazione per loro o che il contesto della giornata sia adeguato a loro. Se tanti sposi mi chiedono come scrivere sull’invito di non portare i bambini vuol dire che l’esigenza sarebbe quella di non prevederli. Quindi tu, se hai figli, non dare per scontato che l’evento sia pensato anche per loro.
  • Dress Code diurno. Che dire dell’ outfit? Affidati a consigli di esperti e informati bene sulla location e sugli orari. Perché darai all’occhio se sei con lo smoking ad un matrimonio diurno, sarai fuori luogo se ti vesti total black o addirittura di bianco. Il cappello fa chic ma ad un matrimonio puoi indossarlo solo di giorno e solo se anche la mamma della sposa lo indossa. La regola del buon senso prevede esattamente che le donne vestano abiti da cocktail al ginocchio durante il giorno nei colori tenui – al massimo un lungo molto morbido – e gli uomini un abito formale, non casual.
  • Dress code serale. Per la sera si può essere ancora più eleganti e scuri. Vietato attirare l’attenzione con abiti scollatissimi e aderenti o cortissimi. L’indole stravagante non dispiace ma è preferibile concentrarla nei dettagli o negli accessori. La sobrietà del resto vince sempre.
  • Non disfare nessun decoro. Fiori e decori della giornata non sono regali dovuti. Se ti piace particolarmente qualche pezzo decorativo non portarlo via, soprattutto senza il consenso degli sposi.
  • Sei ospite. Infine, ricorda che il matrimonio è una giornata con protagonisti li sposi, la giornata è costruita intorno alle loro personali scelte, al loro stile e alle loro esigenze. Potrai non condividere qualche aspetto, potrai avere gusti culinari del tutto differenti. È la loro festa, tu cerca di divertirti.

L’ospite ideale al matrimonio avrà il piacere di condividere la gioia degli sposi e sarà presente per festeggiare il loro amore.

Ovviamente, non abbandonare la festa prima del taglio torta.